Fattori Chiave Del Successo Strategico Di Nintendo

In: Computers and Technology

Submitted By paraxite90
Words 1732
Pages 7
Fattori chiave del successo strategico di Nintendo negli Stati Uniti

Prima che la Nintendo si rivolgesse al mercato americano, il leader nella produzione di videogames fino a quel momento era stata la Atari. Questa si cimentò nel lancio della propria console (la VCS) lanciata nel 1977 al prezzo di 200$. Giochi di successo furono: Asteroids, Pac-man, Space Invaders. Nel 1982 il mercato era saturo di prodotti ritenuti complessivamente scadenti dalla critica, e un manager della Mattel diede una spiegazione al fenomeno: "Due anni di produzione sono stati lanciati sul mercato in un anno, e non c'è modo di bilanciare il sistema". La clientela, che in poco tempo si stancò della scarsa qualità dei giochi di basso profilo, preferì in seguito abbandonare interamente il mondo dei videogiochi. Cosi la Atari fu portata al crollo a causa di enormi scorte in magazzino.
A pochi anni di distanza, approfittando del fallimento della Atari, nel 1985 la Nintendo lanciò sul mercato la Famicom.

Già in precedenza Nintendo aveva preso contatti con Atari per il mercato Statunitense e mondiale; affinché si occupasse della commercializzazione della console al di fuori del Giappone. L'accordo prevedeva che il sistema sarebbe stato distribuito con il nome Atari e che la società avrebbe pagato i diritti per la produzione della console a Nintendo. I rappresentanti delle due società si incontrarono diverse volte al Consumer Electronics Show di Chicago del 1983, stabilendo le basi dell'accordo. Dopo tre giorni di trattative, quando solo gli ultimi dettagli dovevano essere finalizzati, alcuni dirigenti Atari si imbatterono nello stand della Coleco in una conversione del gioco Donkey Kong per il loro nuovo home computer Coleco Adam. Questo fece infuriare Atari perché essa aveva acquistato da Nintendo i diritti per la versione del gioco per gli home computer (con il floppy disk come…...

Similar Documents

Nintendo

...HECHOS • Sekiro Yamauchi en 1933 fundó Nintendo Playing Card Company Ltd. • En 1959, Hiroshi Yamauchi, su nuevo CEO, viajó a USA para hablar con el dominante en juegos de cartas Estados Unidos Playing Card Company. • En 1959, Nintendo hizo un acuerdo con la compañía de Walt Disney, fabricándole cartas. • 1963 su nombre fue cambiado a Nintendo Company Ltd, comenzando la elaboración de cartas y video juegos. • En 1978 crea y lanza al mercado videos juegos que funcionan con monedas alcanzando un gran despliegue gracias al producto estrella Donkey Kong. • En 1981, cuando Donkey Kong fue puesto en libertad, se convirtió en el single más vendido de máquina individual que funciona con monedas en el mercado. • En 1985, lanzan NES Nintendo Entertainment System en USA, uno de los juegos de vídeo disponibles con este sistema NES fue Super Mario Brothers, uno de los más populares, con lo que abre camino en la industria del videojuego. • En 1991, Nintendo presentó el Super Nintendo Entertainment System (SNES), versión mejorada. Al mismo tiempo comienza a entrar en el mercado Sony como competencia. • En 1996 lanza al mercado Nintendo 64, un sistema de juego de tercera generación, con esto pierde liderazgo de mercado, por falta de innovación en el sistema, puesto que mantien el de cartuchos cuando Sony ya tenia en el mercado los videojuegos en CDR, el liderazgo lo toma Sony. • N64 vende 33 millones de unidades, lo que representa menos de la tercera parte que las 102.5 millones......

Words: 730 - Pages: 3

As Roma

...RIASSUNTO ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE – LIBRO DI TESTO: L’ANALISI STRATEGICA PER LE DECISIONI AZIENDALI R. GRANT EDIZIONE 2011 CAPITOLO 1 IL CONCETTO DI STRATEGIA Diverse definizioni di strategia 1. La strategia è lo strumento usato dagli individui e organizzazioni per raggiungere i propri obiettivi; 2. Si definisce strategia la determinazione delle finalità e degli obiettivi di lungo periodo di un’ impresa e attuazione delle linee di condotta e allocazione delle risorse necessarie alla realizzazione di tali obiettivi. 3. La strategia è il piano complessivo per lo spiegamento di risorse necessarie a conseguire una posizione di vantaggio sulle altre imprese. 4. Strategia competitiva vuol dire differenziarsi. Vuol dire scegliere deliberatamente un diverso insieme di attività per generare un esclusiva combinazione di valore ( M.Porter) L’essenza della strategia, dunque, consiste nell’effettuare scelte. Affinché una strategia sia di successo è necessario: ▪ Obiettivi siano semplici, coerenti e a lungo termine; ▪ Profonda comprensione dell’ambiente competitivo; ▪ Valutazione obiettiva delle risorse; ▪ Implementazione efficace La strategia ha il ruolo di collegare l’impresa (obiettivi e valori, Risorse e competenze, Struttura e sistemi organizzativi) con l’ambiente settoriale (Concorrenti, Clienti, Fornitori) in cui opera. Le scelte strategiche possono essere ridotte a due questioni fondamentali: Dove competere? Come......

Words: 22384 - Pages: 90

Tesina Di Maturità

...INTRODUZIONE Perché ho deciso di approfondire le mie conoscenze sulla letteratura russa? I programmi a scuola ci hanno permesso di conoscere, almeno a linee essenziali, i più noti e influenti autori delle maggiori nazioni europee, ci hanno fatto annusare molti testi e, chi più chi meno, tutti siamo in grado di orientarci nel panorama letterario del nostro “vecchio” continente. Ma raramente si tocca ciò che è stato scritto dai nostri vicini. La Russia per molti è un paese enorme e misterioso, ma soprattutto sconosciuto. Eppure ha prodotto, specialmente nel corso del secolo XIX, una fioritura di capolavori che difficilmente trova uguali. L’idea di letteratura russa evoca nella mente delle persone il nome di una dozzina di grandi romanzieri degli ultimi due secoli, oltre che a un più limitato numero di poeti. In altre parole “la letteratura russa” è un evento recente. La grande letteratura nazionale russa coincide grosso modo con il secolo XIX e nasce quindi molto tempo dopo la letterature dell’Europa occidentale. E’ così costretta in tempi assai stretti a forgiare un lingua letteraria e una propria tradizione, sviluppantesi altrove in secoli. Puškin nasce nel 1799 e Tolstoj muore nel 1910, un secolo che è bastato ad una nazioni a emergere praticamente dal nulla e a creare tesori difficilmente eguagliabili. “ Un solo secolo, il XIX, è stato sufficiente ad un paese che non aveva in pratica una propria tradizione letteraria, per creare una letteratura che, per......

Words: 10100 - Pages: 41

Principi Di Marketing Riassunto Kotler

...Principi di Marketing Philip Kotler – Gary Amstrong Cap. 1 Il Marketing consiste nella gestione di relazioni profittevoli con il cliente e il suo scopo è creare valore per il cliente e ottenere in cambio un valore da quest’ultimo. L’obiettivo del marketing si concretizza nel soddisfacimento dei bisogni del cliente. Se l’operatore di marketing riesce a comprendere i bisogni del consumatore, sviluppare un prodotto ad alto livello e definire strategie di prezzo, distribuzione e promozione efficaci, le vendite diventano una logica conseguenza. In senso generale il marketing è un processo sociale e manageriale mediante il quale una persona o un gruppo ottiene ciò che costituisce oggetto dei propri bisogni e desideri creando, offrendo e scambiando prodotti e valori con altri. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi: 1. Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore il concetto fondamentale alla base del marketing è quello dei bisogni, cioè le condizioni in cui si percepisce uno stato di privazione, i bisogni plasmati dalla cultura e dalla personalità individuale si trasformano in desideri, se supportati dalla potere d’acquisto i desideri danno origine alla domanda di mercato. I bisogni e i desideri dei consumatori possono essere soddisfatti attraverso le offerte di mercato, cioè una combinazione di prodotti, servizi, informazioni ed esperienze rivolte a un determinato mercato per soddisfare un bisogno o un desiderio. (la miopia di mercato è......

Words: 30201 - Pages: 121

Il Pavimento Del Duomo Di Siena

...Il Pavimento del Duomo As one first walks into the main cathedral of Siena, Italy the decoration comes across as very busy and it is difficult to decide what to look at first. The eyes are drawn to, of course, the black and white marble stripes that dominate a the inside of the cathedral or the 172 marble heads of popes past looking down. However, this is not the marble in which Giorgio Vasari, Italian artist and art historian from the sixteenth century, commented on during his time in Siena. After The 2500 square meters of marble floor is certainly one of the main features of the cathedral, as it has a total of 56 decorative panels as well as more than sixty different decorative frames created by roughly forty different artists (“The most beautiful, largest and most magnificent floor that was ever made!”). The detailed decoration of the floor seems to have started in the second half of the fourteenth century, right after they gave up on trying to enlarge the cathedral, and continued through the sixteenth century. The floors, which are only fully visible about ten weeks out of each year, continue telling the stories that are visible first from the front façade. Interestingly, none of the fifteen panels in the nave are particularly religious. Along the left and right isles are depictions of ten sibyls holding goods such as scrolls and books, which symbolize knowledge. Each sibyl is telling the stories of the coming of the Virgin Mary and her son, Jesus Christ, clearly......

Words: 1558 - Pages: 7

Corporate Social Responsibility: Hera Group

...UNIVERSITA’ DI BOLOGNA SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA CORSO DI LAUREA IN MANAGEMENT E MARKETING LA RESPONSABILITA’ SOCIALE D’IMPRESA: IL CASO HERA S.P.A Tesi di Laurea di: Salvatore Gabriele Tata Sessione I Anno accademico 2013/2014 1 2 INDICE: Introduzione……………………………………………………………………………………........5 Capitolo 1 La Responsabilità Sociale d’Impresa………………………………………………………………6 1.1 Il contesto che spinge alla RSI…………………………………………………………………...8 1.2 La Stakeholder Theory…………………………………………………………………………...8 1.3 La relazione tra performance sociali e finanziarie………………………………………………11 1.4 I Benefici di fare RSI……………………………………………………………………………12 Capitolo 2 La Gestione Strategica della Responsabilità Sociale d’Impresa…………………………….….14 2.1 Processi e strumenti……………………………………………………………………………..15 2.2 La Balanced Scorecard………………………………………………………………………….15 Capitolo 3 Gli strumenti della Responsabilità Sociale d’Impresa…………………………………………..19 3.1 Il Codice Etico…………………………………………………………………………………..19 3.2 Particolari standard di comportamento……………………………………………………….....20 3.3 Il Bilancio sociale……………………………………………………………………………….23 3.3.1 GBS…………………………………………………………………………………….23 3.3.2 GRI……………………………………………………………………………………..24 3.3.3 AA1000………………………………………………………………………………...26 Capitolo 4 Il caso Hera S.p.a…………………………………………………………………………………..27 4.1 Il Gruppo Hera…………………………………………………………………………………..27 4.2 Bilancio sociale o bilancio di sostenibilità? ……………………………………………………27 4.3 La rilevanza del......

Words: 10625 - Pages: 43

Itc Change Management -> to Erp

...Business case Gruppo ItalAB Esame  di  ICT  Management  –  Prof.  Maine6   Alunni:  Alfonso  Annunziata-­‐  Maria  Bologna  -­‐  Francesco  De  Troia  -­‐  Stefano  Guerrato   Presentazione Azienda Il  gruppo  ItalAB  è  composto  da  due  società  di  medie  dimensioni:  le  due  società  A  e  B   operano  i  se7ori    diversi  con  modelli  di  business  altre7anto  diversi  secondo  il  loro  mercato   di  riferimento.  La  società  A  opera  nel  se7ore  delle  linee  di  produzione  nel  se7ore   alimentare,  la  società  B  commercializza  soluzioni  per  la  clima?zzazione  con  forte  focus  nel   residenziale.     Confronto tra società A e B Pun$  descri,vi   Fa0urato  globale   Fa0urato  mercato  Italia   Fa0urato  mercato  Estero   n.  dipenden$   Poli$ca  distribu$va   Si$  produ,vi   Mercato  (trend)   Cara0eris$ca  della  domanda   SCM-­‐OPS   PLC   Consociata  A        70.000.000          21.000.000          49.000.000     200   Dire7a   Si   In  crescita   Costante   ETO   Lungo   Consociata  B        35.000.000          31.500.000 ...

Words: 3478 - Pages: 14

Interventi Legislativi Nella Regolamentazione Del Rapporto Fra Politica E Amministrazione Nel Processo Di Privatizzazione Del Pubblico Impiego

...regolamentazione del rapporto fra politica e amministrazione nel processo di privatizzazione del pubblico impiego Il dibattito in Italia sulla privatizzazione del pubblico impiego si deve, in origine, ad un autorevole studioso, Massimo Severo Giannini. Questo illustre giurista, divenuto anche Ministro per la Funzione Pubblica negli anni 1979-1980, affermava già da tempo, sulla base della distinzione tra rapporto organico e rapporto di servizio, la mera occasionalità storica, e non necessità giuridica della generale regolazione unilaterale e pubblicistica del lavoro pubblico1. Da questo punto di vista, l’autore citato, nel denominato rapporto Giannini – sui principali problemi della amministrazione dello stato propone come soluzione la privatizzazione del rapporto di lavoro pubblico. In proposito, Giannini si chiede se un’altra strada praticabile non sia quella di privatizzare i rapporti di lavoro con lo Stato non collegati all’esercizio della potestà pubblica, mantenendo come rapporto di diritto pubblico solo quello di coloro ai quali tale esercizio è assegnato o affidabile, ovvero gli attuali direttivi e dirigenti.2 U. CARABELLI e M. T. CARINCI (a cura di), Il lavoro pubblico in Italia, Bari, 2010, p. 34. 2 M.S. GIANNINI, Rapporto sui principali problemi della amministrazione dello stato, 16 novembre1979. Documento disponibile su: www.tecnichenormative.it. Osserva in proposito S. CASSESE (Lo stato dell’amministrazione pubblica a vent’anni dal rapporto Giannini, in Giornale......

Words: 53581 - Pages: 215

Appunti Di Economia Industriale

...RIASSUNTO DI APPUNTI DI ECONOMIA INDUSTRIALE Capitolo 2; Mercato e gerarchia Ronald Coase nel 1937 effettuò una ricerca sulla ragione che spinge i soggetti a preferire l’impresa al mercato, , intesi entrambi come modi alternativi di organizzazione dell’impresa. L’impresa ha nell’imprenditore e nella gerarchia lo strumento di coordinamento e allocazione delle risorse, mentre il mercato fa perno sul sistema dei prezzi. Secondo questa teoria, alle imprese converrebbe internalizzare ogni parte produttiva fino a quando i costi marginali che ne deriverebbero eguaglieranno quelli di esternalizzazione, dopo di che l’outsourcing diventerebbe la formula con più benefici. COSTI DI TRANSAZIONE: una transazione ha luogo quando tra due o più soggetti si ha uno scambio di beni, presenta tre presupposti; l’oggetto, le parti e la struttura organizzativa. La struttura organizzativa rappresenta l’ordine organizzativo e contrattuale della transazione, l’ordine contrattuale rappresenta l’ambito giuridico entro i quali la transazione viene perfezionata, mentre l’ambito organizzativo rappresenta piuttosto le risorse impiegate per la negoziazione. Non a caso l’efficienza della giustizia costituisce un prerequisito essenziale per lo sviluppo degli scambi, si può definire quindi che un minor costo di transizione può essere dovuto a una maggior efficienza della giustizia. L’obbiettivo della struttura organizzativa è quella di ridurre l’incertezza tra le parti, favorendo la stabilità e......

Words: 23969 - Pages: 96

Talent Management E Valorizzazione Delle Persone

...ENOVA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Elaborato scritto per la prova finale in Organizzazione Aziendale Talent Management e Valorizzazione delle persone Docente di riferimento: Angelo Gasparre Candidato: Federico Minato Anno accademico 2013-2014 Sommario Introduzione 2 Capitolo I - Il Talent Management 7 1.1 - L'impresa che passa dal fordismo ad una visione più incentrata sulle persone 7 1.2 - Imprese moderne e concetto introdotto da McKinsey (1997): introduzione al Talent management 11 1.3 - I quattro Pilastri del Talento Management 12 1.3.1 - Recruitment 13 1.3.2 - Performance management 14 1.3.3 - Compensation management 16 1.3.4 - Learning and development 18 Capitolo II - I problemi relativi all'assunzione dei talenti dall'esterno 20 2.1 - I problemi generati nell’ambiente interno 20 2.2 - I problemi derivanti dall’incertezza nell’ambiente esterno 29 Capitolo III - La ripresa della pratica dello sviluppo interno dei talenti 35 Riferimenti bibliografici 52 Bibliografia 52 Libri 52 Articoli scientifici 52 Risorse Web 53 Introduzione Lo scopo di questa tesi è quello di affrontare il tema della Gestione del Talento, tramite una visione critica della stessa. L'elaborato si basa sull'analisi incrociata di una serie di valutazioni ed osservazioni proposte da più autori, ottenute tramite ricerche e studi sul suddetto tema. Dunque, in questa sede si cercherà di analizzare quale sia...

Words: 16032 - Pages: 65

Costi Di Agenzia in Cina: Il Caso Delle Soes

...UNIVERSITÀ  COMMERCIALE  LUIGI  BOCCONI     Facoltà  di  Economia     Corso  di  Laurea  in  Economia  Aziendale  e   Management             Relazione  principale-­‐agente  e  costi  di   agenzia  in  Cina:  il  caso  delle  State-­‐Owned   Enterprises   DOCENTE TUTOR: Prof. Maurizio DALLOCCHIO Giulia BARRESI (matricola 1686849) Anno Accademico 2014/2015                                                                                                                 “Quando la Cina si sveglierà, il mondo tremerà”. Napoleone Bonaparte, 1816                                                                                                                                         INDICE   1.  INTRODUZIONE  ..............

Words: 6150 - Pages: 25

Usi Ed Effetti Del Telefono Mobile in Diverse Culture

...Storia dei mass media: dalla stampa al cellulare UNIVERSITA‟ DEGLI STUDI DI MILANO – BICOCCA Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Comunicazione Interculturale Usi ed effetti del telefono mobile in diverse culture Relatore: Prof. Valentino Zurloni Correlatore: Dott. Antonio Ascolese Tesi di Laurea di : Andrej Agacevic Matricola: 072910 Anno Accademico 2007 – 2008 2 Storia dei mass media: dalla stampa al cellulare Indice Introduzione .............................................................................................................................. 1 1. Storia dei mass media: dalla stampa al cellulare.......................................................... 2 1.1 La stampa, il primo mass media .................................................................................. 2 1.2 La discografia, il secondo mass media ....................................................................... 4 1.3 Il cinema, il terzo mass media ..................................................................................... 5 1.4 La radio, il quarto mass media..................................................................................... 6 1.5 La TV, il quinto mass media........................................................................................ 8 1.6 Internet, il sesto mass media ........................................................................................ 9 1.7 Il cellulare, il settimo mass media...

Words: 22604 - Pages: 91

Il Concetto Di Autorià in J Raz

...INDICE INTRODUZIONE.......................................................................................................................3 Capitolo I.....................................................................................................................................5 Ragioni per l'azione e norme......................................................................................................5 I.1. Il ruolo delle ragioni.........................................................................................................5 I.1.1. Quattro caratteristiche del concetto di “ragione per l'azione”..................................5 I.1.2 Ragioni escludenti e norme.......................................................................................8 I.1.3 La teoria esemplificata: sorgono alcuni problemi...................................................10 I.2. Disposizioni della autorità e ragioni..............................................................................12 I.2.1 Ragioni indipendenti dal contenuto.........................................................................12 I.2.2. Norme, ragioni e sanzioni......................................................................................13 I.3. L'obbligo politico...........................................................................................................16 I.3.1. Il problema ............................................................................................

Words: 14000 - Pages: 56

Federico Ii Di Svevia

...Fiorentino di Puglia, 13 dicembre 1250) Titoli: * Re di Sicilia come Federico I di Sicilia; * Duca di Svevia * Re di Germania * Imperatore dei Romani (Federico II del Sacro Romano Impero) * Re di Gerusalemme Ritratto di Federico II con il falco (dal De arte venandi cum avibus) Federico in breve Apparteneva alla nobile famiglia sveva degli Hohenstaufen e discendeva per parte di madre dalla dinastia normanna degli Altavilla, regnanti di Sicilia. Conosciuto con gli appellativi stupor mundi ("meraviglia o stupore del mondo") o puer Apuliae ("fanciullo di Puglia")[1], Federico II era dotato di una personalità poliedrica e affascinante che, fin dalla sua epoca, ha polarizzato l'attenzione degli storici e del popolo, producendo anche una lunga serie di miti e leggende popolari, nel bene e nel male. Il suo regno fu principalmente caratterizzato da una forte attività legislativa e di innovazione artistica e culturale, volte ad unificare le terre e i popoli, fortemente contrastata dalla Chiesa. Egli stesso fu un apprezzabile letterato, convinto protettore di artisti e studiosi. La sua corte fu luogo di incontro fra le culture greca, latina, araba ed ebraica. Fondò nel 1224, a Napoli, la prima universitas studiorum statale e laica della storia d'Occidente, in contrapposizione all'ateneo di Bologna, nato come aggregazione privata di studenti e docenti e poi finito sotto il controllo papale. L'università, polarizzata intorno allo studium di diritto e......

Words: 1627 - Pages: 7

Scheda Di Lettura "Addio Alle Armi"

...“Addio alle armi” di Hernest Hemingway Eva Chiesa Il tempo Le vicende narrate nel romanzo sono collocate in un tempo storico determinato, è, infatti, ambientato durante la prima guerra mondiale. Il primo capitolo soltanto si svolge nel 1916, dal secondo in avanti le vicende hanno luogo nel 1917 fino al 1918. Il tempo assume una grande importanza rispetto ai luoghi e ai personaggi, infatti il tempo caratterizza e spiega molti dei loro comportamenti. L’ordine cronologico è quasi sempre rispettato ma nell’insieme la storia è un flashback poiché è narrata con il tempo passato. Il ritmo del romanzo è piuttosto scorrevole e veloce, probabilmente tale aspetto è caratterizzato dall’influenza giornalistica nello stile di Hemingway. Lo spazio Le vicende nella storia sono ambientate principalmente nel Nord Italia. Il protagonista Frederic Henry si sposta maggiormente in Friuli, dove avviene la guerra. In seguito si sposta a Milano all’ospedale Americano, dove viene ricoverato poiché colpito da una bombarda. Infine giunge a Caporetto fino a ritirarsi in Svizzera con Catherine, luogo in cui termina l’opera. Le descrizioni sono piuttosto dettagliate ma pur sempre scorrevoli, Hemingway ha a disposizione spazi vasti all’aperto e ciò gli permette di articolare descrizioni analitiche. Lo spazio è prettamente reale, ideato anche dai ricordi di guerra di Hemingway stesso. Lo sfondo del romanzo è cupo, i paesaggi incarnano perfettamente zone di guerra,......

Words: 1687 - Pages: 7